LE OTTO MERAVIGLIE




Si compongono anche i Quarti amatoriali
Scontri senza esclusioni di colpi ed eliminazioni eccellenti

Gli Ottavi amatoriali si rivelano uno scoglio difficile da aggirare per molte formazioni, e non solo quelle meno quotate, anche alcune tra le favorite prendono la via degli spogliatoi in anticipo rispetto ai piani. Non è propriamente il caso, ma ci si avvicina, per la Vecchia Fattoria. Il team della Marocco, oggi assente, presa la rincorsa, sembra essere in grado di superare anche l’ostacolo Spritziamo di Volley. Infatti l’avvio è più che convincente, e la Fattoria s’intasca il 1°parziale con personalità. Il sestetto della Jiang, però, rientra determinato, e quando la Gaggero fa un primo break col proprio servizio, visti gli avversari in difficoltà, cinicamente insiste. Gallina questa sera non è in forma e Valle decisamente nervoso, e recuperata regolarità anche la Binetti, lo Spritziamo non si ferma al pareggio, ma va oltre e strappa il 2-1 con veemenza, entrando per primo tra le 8 migliori squadre dell’AMA. Più agevole risulta il compito del Drink Team, che lo raggiunge in parallelo, battendo il Probabilmente in 6. La Caruso e i suoi, iniziano con uno sguardo all’orologio, che li priverà di lì a poco della regista, e non guardano ai dettagli tecnici, sbagliando tantissimo. La Crosetto e i suoi non battono ciglio e si impongono con il servizio della De Rosa, che non è irresistibile, ma fa far acqua alla ricezione del Probabilmente in 6, che non arriva alla decina. Il 2°set si fanno più battaglieri i druentini, ma seppur la resistenza sia encomiabile, Montarulo sale di tono e tiene al sicuro il risultato, mentre sia Marcin Schabek che Gribaudo, qualche errore lo commettono. Il Drink Team rientra e supera, e va a chiudere in controllo, raggiungendo ai Quarti, lo Stoca..2. Intanto sul campoB si sfidano, nuovamente punto a punto, Rumpabale e Occhio che Te l’Appoggio. I sangonesi non ci stanno a pensare troppo su, e aggrediscono la Galantino e compagni, con Vaschetti e un ispirato Dal Ponte. Il margine, conquistato a metà set, regge, e il vantaggio è per la Forneris e i suoi. L’Occhio che Te l’Appoggio, però reagisce con forza, quella di Pappalardo, e nel 2°set il conto è pareggiato con uno strappo sul finale. Tutto si decide al tiebreak, dunque, e la gara è decisamente calda. Il nervosismo serpeggia, e a farne le spese è il team della Galantino, che quando non riesce a sfondare, un po’ si disunisce e lascia spiragli ai Rumpabale per affondare il colpo decisivo e far propria la promozione al turno seguente. In parallelo, la sfida è altrettanto equilibrata, tra uno Shottini che oggi non è al top della lucidità ed una Bussola che non molla un centimetro, soprattutto con un Teglia determinato e volitivo. Il 1°set è da subito un botta e risposta tra Teglia stesso e Bottero. I sei di Manzone, però, si dimostrano più freddi nel finale, difatti 3errori del team beinaschese e gli Shottini passano 1-0. Il 2°set sembra pendere di nuovo dal lato monregalese, con la Molino e il suo servizio, ma la Bussola rientra, con Molinelli e poi Teglia, e questa volta a patire di “braccino” è Manzone, e si va al 3°. L’ultimo parziale non cambia copione, ma sebbene Faure stenti soprattutto in avvio, e la Bussola si illuda, sul finale gli Shottini decidono di allungare e la Bussola resta al palo e deve lasciare suo malgrado il Torneo. Va peggio, invece, agli Amici di Mimmo. Il team di Bosetti, questa sera, non riesce a ingranare. É macchinoso e più impacciato del solito, mentre lo Sbattimi in Panchina addormenta la gara poco a poco e come un ragno tesse la tela per imbrigliare gli avversari. Avvelenato poco per volta, il team della Rallo si spegne, e per Rosato e compagni il vantaggio arriva di misura. Con l’1-0 di fatto gli Amici di Mimmo non sono più in grado di offendere. Bosetti va a riposo, mentre la ricezione vacilla. Lo Sbattimi in panchina gioca quasi da solo e si intasca un 2-0 con ampio margine e si prepara per affrontare gli Shottini tra 24ore. Intanto un altro top-team subisce la maledizione di questa 29ªedizione, uscendo dal torneo, quasi intorpidito. Gli Amici di Beppe si fermano agli Ottavi, battuti da gli Svalvolati. Il sestetto della Amoroso pur con individualità di tutto rispetto, appare sin dall’avvio troppo statico, mentre Smorgon e compagni, con l’apporto dell’inossidabile Rainero, riescono a tenere bene il campo e a farsi largo anche tra le maglie del muro. Sembrano però svuotati gli Amici di Beppe, e pur non regalando troppo, concedono quanto basta agli avversari per prendersi non solo il 1°set, ma anche il 2°, nonostante la Amoroso, con una ramanzina li richiami all’ordine nell’intervallo. Pochi punti di scarto, ma sempre di rincorsa, e per gli Svalvolati, un’opportunità d’oro per entrare tra le “big” del torneo, sfidando i Rumpabale. Chi invece continua nel suo sogno di “bis”, è il VBC Prugne. In un Ottavo che potrebbe quasi essere una Semifinale, il team di Bernardi trova il Nando, Ciccio e Quelli Meno Forti. I grigio-melange partono molto bene, e si galvanizzano col servizio della Di Pierro, che  sembra decisivo. Ma non hanno fatto i conti con le infinite risorse del Prugne, che rientra mettendo pressione sul finale, e stacca tutti grazie al doppio cambio che porta a servire la Ferrua: break vincente ed 1-0. Resta tramortito il Nando, Ciccio e.., che però alla ripresa del gioco sembra di nuovo propositivo. Tuttavia aleggia il dubbio tra i grigi, ed il VBC Prugne sembra attentissimo e non molla un centimetro agli avversari. La Cafà si danna nel trovare idee, Francesco Di Pierro fomenta il sestetto, ma Mirai è costante da seconda linea, e Bernardi e la Castelli colpiscono da postoIV. Il margine non si riduce, e i campioni in carica intascano il pass, con una dimostrazione di forza e coesione che mette in guardia lo Spritziamo di Volley per il match di domani. E quindi ecco completato il quadro delle 8, per un Mercoledì che si preannuncia di altissimo livello anche nel tabellone Amatoriale. Non mancate, il CS Lingotto vi attende.

TagMA